Ginecomastia

La ginecomastia è una patologia caratterizzata da un anormale sviluppo delle mammelle nell’uomo.

Nonostante se ne parli poco, la ginecomastia è un difetto estetico frequente nella popolazione maschile e può creare, in chi ne soffre, notevole imbarazzo e disagio psicologicoLe cause della malattia possono essere diverse, da quelle di natura genetica a quelle ormonali, dalle cause farmacologiche a quelle dipendenti da altre patologie. A proposito della ginecomastia nell’uomo, è opportuno sottolineare che la malattia può essere classificata in due principali tipologie:

  • Ginecomastia vera, dove l’aumento di volume delle mammelle è causato dall’aumento della componente ghiandolare;
  • Ginecomastia falsa o Lipomastia, quando la comparsa del seno maschile è dovuta ad un accumulo di grasso.

Per risolvere con successo la problematica, è possibile effettuare un intervento correttivo che consiste nell’asportazione del tessuto mammario, del tessuto adiposo e talora della cute in eccesso. Grazie all’intervento, il paziente potrà tornare a sentirsi sicuro di sé, eliminando il disagio provocato dall’anomala crescita del seno.

COME SI SVOLGE L’INTERVENTO DI GINECOMASTIA

A seconda della natura della ginecomastia, è possibile definire la modalità di intervento più adatta.
LEGGI ANCHE – Quando fare un intervento di ginecomastia

Solitamente, l’intervento proposto ai pazienti affetti da ginecomastia vera consiste in una mastectomia che può essere abbinata o meno ad un intervento di liposuzioneNei casi di lipomastia, è possibile intervenire con una liposuzione localizzata, dove il grasso in eccesso viene asportato mediante l’inserimento di apposite cannule. Può essere necessario abbinare all’intervento anche la rimozione della cute in eccesso che non andrebbe incontro ad un processo di retrazione cicatriziale. Generalmente la cute viene rimossa con un’incisione peri-areolare, applicando la tecnica Round-Block. Se l’eccesso cutaneo è particolarmente abbondante, viene proposta una cicatrice a T invertita.

Le cicatrici da ginecomastia sono più visibili nei primi mesi dopo l’intervento. Tendenzialmente, queste si attenueranno nel giro di 6-12 mesi, a seconda della biologia del paziente.

I costi dell’intervento correttivo possono variare in base alla natura dell’operazione e alle condizioni di partenza del paziente.

PRE-OPERATORIO

È fondamentale seguire i consigli del Dott. Erminio Mastroluca nel periodo che precede l’operazione. In particolare, si ricorda che:

  • È necessario non assumere farmaci anticoagulanti per 10 giorni prima dell’intervento chirurgico programmato (Alka Seltzer, Ascriptin, Aspirina, Bufferin, Cemerit, Vivin C, ecc.)
  • Occorre eseguire un prelievo ematico per la valutazione di parametri emato-chimici indispensabili per l’intervento stesso, abbinato ad un’ attenta visita cardiologica con elettrocardiogramma
  • È necessario avere un accompagnatore e una presenza domiciliare nell’immediato post operatorio
  • Non ci si deve sottoporre a sforzi eccessivi per 30 giorni
  • È necessario procurarsi delle fasce elastiche


POST-OPERATORIO

Per evitare possibili rischi e complicanze, è indispensabile attenersi alle disposizioni del Dr. Mastroluca per tutto il decorso post-operatorio.
Nello specifico, si raccomanda di:

  • Farsi accompagnare a casa in automobile al momento della dimissione
  • Dormire con due o più cuscini a pancia in su
  • Dopo 3-4 giorni rimozione dei drenaggi insieme con il corpetto elastocompressivo
  • Evitare per almeno un mese l’esposizione diretta al sole

Il giorno dopo l’intervento chirurgico il paziente può lamentare un fastidio, facilmente controllabile con comuni analgesici.

Nel post-operatorio il paziente può andare incontro ad alcune difficoltà e limitazioni, riassumibili in:

  • Eventuale aumento della temperatura corporea
  • Blocco della peristalsi e difficoltà all’evacuazione per i primi 2-3 giorni
  • Impossibilità ad alzare le braccia nei primi 10-15 giorni
  • Ripresa dell’attività sessuale dopo circa 15 giorni
  • Ripresa dell’attività sportiva dopo 1 mese circa


RISULTATI FINALI

I risultati della correzione della ginecomastia sono generalmente molto soddisfacenti e duraturi.

Tuttavia, uno stile di vita poco sano e sbalzi di peso frequenti potrebbero inficiare sui benefici a lungo termine dell’intervento. Ciò che si ottiene dall’operazione è la completa risoluzione della problematica, sia che si tratti di ginecomastia vera, sia che si tratti di lipomastia.

RISCHI E COMPLICAZIONI

Come ogni intervento chirurgico, anche l’operazione per la ginecomastia può avere delle complicanze. In questo caso, le complicazioni e i rischi più frequenti sono:

  • Ematomi e lividi
  • Perdita della sensibilità temporanea o permanente
  • Infezione della cicatrice
  • Cicatrice patologica (cheloide, cicatrice ipertrofiche o atrofiche)
  • Necessità di re-intervento
  • Sieromi che necessitano di essere drenati con una siringa

Interventi realizzati dal Dott. Erminio
Mastroluca
. E’ severamente vietata
la riproduzione delle immagini.

Cliccando INVIA si acconsente al trattamento dei dati personali. Clicca qui per leggere l’informativa sulla privacy

Inserisci il tuo nome e cognome

La tua email

Il tuo telefono

Il tuo messaggio

Acconsento al trattamento dati personali. Clicca qui per leggere l'informativa sulla privacy